Crostate e Torte da Forno,  Piatti Dell'Antica Bologna

Torta degli Addobbi

La Torta degli Addobbi, più comunemente chiamata Torta di riso è un dolce tipico di Bologna che anticamente veniva preparato proprio in questo periodo dell’anno, quando nelle parrocchie del centro storico si festeggiava la Decennale Eucaristica.

Cenni Storici (da “Bologna la Dolce, curiosando sotto i portici fra antichi sapori”. Il loggione)

La festa degli addobbi fu istituita nel 1470 dal Cardinale Paleotti per il decennale di una parrocchia in cui era uso esporre alle finestre, in segno di festa, gli addobbi, dei drappi di color rosso scuro (il tipico colore delle case di Bologna) durante la processione. Per tradizione durante la festa degli addobbi si portava in processine l’immagine del Corpus Domini. Questa festa veniva celebrata con turni decennali (per l’anno Eucaristico) nelle parrocchie in città, mentre in campagna ogni paese veniva diviso in quattro quartieri e ogni quartiere festeggiava una volta ogni 4 anni a rotazione. Dopo la processione le famiglie offrivano a parenti e amici la Torta degli Addobbi, una totra di riso tagliata a piccole losanghe.

Non c’è famiglia bolognese che non possieda la ricetta di questa antichissima torta, tramandata  da generazione a generazione, ognuna con quella piccola differenza di grammatura oppure di ingrediente messo in piò o in meno che fanno ritenere la propria la ricetta la migliore!

La Torta di riso va servita rigorosamente tagliata a piccole losanghe, con al centro uno stuzzicadenti per facilitarne la presa, forse oggi può sembrare una presentazine poco elegante e magari un pò anacronistica, ma i piatti  della memoria come è il caso di questa torta non li modifico mai, neanche nella presentazione!!

 

 

Io vi trascrivo la ricetta della mia famiglia, che non ho mai osato cambiare di una virgola… é quasi centenaria!!

Ingredienti:

  • 1 litro di latte intero
  • 150g  riso originario (quello a chicchi piccoli)
  • 360gr zucchero
  • 150g mandorle senza buccia
  • 100g cedro candito
  • 100g amaretti
  • 5 uova grandi
  • scorza di mezzo limone
  • vaniglia
  • 150ml liquore mandorla amara

 

 

Preparazione:

Tostare le mandorle e tritarle a coltello, tritare anche il cedro candito. Bagnare gli amaretti con metà del liquore e sbriciolarli.

In un tegame portare a bollore il latte con la vaniglia, 100g di zucchero(tolti dal peso totale) e la scorza di limone, aggiungere il riso e portarlo a cottura mescolando spesso e facendo attenzione che non attacchi sul fondo.

Caramellare 50g di zucchero sempre tolti dal peso totale e aggiungelo al riso bollente (questo serve per conferire al dolce un colore scuro). Lasciare intiepidire, poi aggiungere le mandorle , il cedro, gli amaretti e la scorza di limone prelevata dal latte e tritata.

Battere le uova con il restante zucchero ed unirle al precedente composto mescolando bene per amalgamare tutti gli ingredienti.

Imburrare una teglia rettangolare di cm.35×22 quindi cospargerla di pane grattugiato, versare il composto poi cuocerlo in forno a 160° per circa 45min.

A cottura ultimata e torta ancora calda, versare uniformemente sulla superficie il restate liquore (meglio aiutarsi con un pennello da cucina).

Quando la torta è ben fredda tagliarla a losanghe.

 

 
 

 

7 commenti

    • lapatti

      Grazie mille Alessia, mi sta aiutando mio figlio a sistemare il programma perché io non riesco a venirne a capo!! Spero che nel giro di un paio di giorni sia tutto a posto!! Scusami tanto per il disagio e grazie ancora per la pazienza!!!

    • lapatti

      Ciao Alessia, per iscriverti adesso non dovrebbero esserci più problemi…la app che ho per il mi piace prevede un contatore numerico, e non fa vedere l’icona di chi l’ha messa. Quella cercherò di cambiarla!! Se trovi ancora qualcosa che non va mi fa molto piacere se me lo segnali… tirerò le orecchie a mio figlio!!! Grazie mille, buona notte!!😚

  • Max

    Ciao Patti,
    Felice di conoscerti ma non riesco a dare i miei like alle tue ricette, mi da errore e non riesco nemmeno a seguirti per lo stesso motivo. Fammi sapere
    Max

    • lapatti

      Ciao Max, grazie di essere passato da me! So che ci sono degli errori nel programma! Sto cercando di risolverli!!

    • lapatti

      Benissimo!!! Per noi bolognesi è proprio il dolce tradizionale per eccellenza (abbiamo anche il Certosino, ma di quello ne parlerò a Natale!!)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.