- Tutte le Ricette,  Antipasti e aperitivi,  Carni,  Patè e Terrine

Paté di Anatra al Tartufo Nero

Amo da sempre i paté: sono perfetti come antipasto sia in una cena rustica e informale che in una cena elegante: questo è fatto con il petto d’anatra, facile da reperire nei supermercati e non eccessivamente costoso.

Oggi  lo presento in una piccola terrina da cui ognuno può servirsi  spalmandolo sui crostini caldi, ma se voglio dargli una veste più elegante faccio delle monoporzioni che poi decoro con un rametto di ribes, scorzette di arancia e alloro…e vi assicuro che così guarnito fa la sua figura anche sulla tavola delle feste natalizie!

Vi trascrivo una ricetta che faccio da tantissimi anni e siccome ha sempre avuto un grande successo sia in famiglia che con gli amici ho pensato di condividerla; poi c’è da dire che l’autunno è la stagione ideale per questo piatto… e le feste di Natale sono ormai alle porte!!

Ingredienti:

  • 1 petto d’anatra (circa 400gr)
  • 70 gr pancetta magretta o prosciutto crudo un pò grasso
  • 70gr di salsa tartufata o burro al tartufo Ocelli (io uso la salsa tartufata di Urbani Tartufi)
  • mezza costa di sedano, 1 carota piccola, 1 cipolla, 2 foglie di alloro, salvia
  • un dado ai funghi, pepe nero, sale, 5 bacche di ginepro, 1 chiodo di garofano
  • una fetta di pan carrè
  • marsala secco o vin santo

Preparazone:

Con un coltello affilato, tolgo la pelle al petto d’anatra, lo salo leggermente, pepo poi lo avvolgo nella pancetta magretta.

In un tegame che lo contenga di misura, rosolo in olio evo il petto, le verdure tagliate a pezzetti e tutti gli aromi. Sfumo con un bicchierino di marsala, poi aggiungo una tazzza di brodo caldo preparato con il dado ai funghi.

Lascio cuocere il petto d’anatra con il tegame coperto per 30min, deve rimanere un dito di liquido, eventualmente tolgo il petto e faccio restringere il liquido di cottura.

Lascio rafreddare a temperatura ambiente, poi metto la fetta di pancarrè a inumidirsi nel sugo.

Taglio il petto a pezzi grossolani e poco alla volta frullo tutto: anatra, verdure, aromi (tranne l’alloro), pancarrè, sugo e salsa al tartufo. Metto tutto in una terrina e amalgamo con una spatola.

Il paté deve rimanere morbido perchè rafreddandosi si indurisce, se è troppo asciutto, aggiungo qualche cucchiaio di brodo.

Trasferisco il paté in una terrina adeguata, lo lascio rafreddare in frigorifero poi servo con fette di pane toscano leggermente tostate in forno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.