• - Tutte le Ricette,  Pani e Lievitati

    Flower Bread

    Quando il tempo non è dei migliori, come questa mattina, mi viene voglia di fare il pane in casa: metto sulla spianatoia farina, lievito e tutti gli ingredienti che mi servono, poi impasto dopo impasto, comincio a infornare pane, focacce, grissini, ma anche brioche dolci. Dopo diverse ore di lavoro, quando tutto è cotto a puntino, decido cosa congelare… faccio proprio come le formichine, così ho sempre una riserva pronta per i tempi “di magra” in cui non ho voglia di fare granchè! Oggi però mi è venuta un’idea diversa, data la stagione primaverile ho deciso di preparare dei pani farciti a forma di fiore, dolci e salati: i Flower…

  • - Tutte le Ricette,  Dolci al Cucchiaio,  Piatti Dell'Antica Bologna

    Fiordilatte Francesca

    Il Fiordilatte è un dolce al cucchiaio tipico di Bologna, molto simile al crème caramel negli ingredienti base, ma con il latte molto “ristretto”, direi condensato. Questo passaggio e la cottura a bassissima temperatura fanno si che il risultato finale sia molto, ma molto cremoso! Va preparato con un latte intero, una volta si usava quello del contadino che le scremature non sapeva neanche cosa fossero! Inoltre va cotto a bagnomaria nel forno, ma, come ho detto prima, a bassa temperatura per evitare che vengano delle alveolature centrali. Quella che trascrivo è la ricetta della signora Francesca, mamma di una mia carissima amica… e qui mi viene un po’ di…

  • - Tutti i Menu,  Torte Salate

    Colazione in Serra

    Piove, spiove, poi piove ancora, oggi è così! Una trentina di amiche chiamate a raccolta per il compleanno di Edda. E’ un appuntamento che si rinnova ogni anno, con una grande festa tutta al femminile, nel grande giardino, ma oggi non era proprio possibile. Così ci siamo rifugiate tutte nella serra…tutte vicine vicine! Una serra magnifica. Una serra antica, con la struttura in ferro e grandi vetrate. Una serra calda, piena di oggetti vintage che mai come in questo luogo si intonano all’ambiente. Una serra con grandi rami appesi alle travi del soffitto da cui pendono farfalle, cuori, ali angeliche di piume bianche e fiori essiccati. Per la padrona di…

  • - Tutte le Ricette,  Piatti Dell'Antica Bologna,  Primi Piatti

    Scrigno di Venere

    Quest’anno ho voluto inserire nel menu di Pasqua un piatto “d’antan” della ristorazione bolognese: lo “Scrigno di Venere“. Ideato nel 1968 da Evio Battellani, gestore di un ristorante molto frequentato a Bologna, rinomato soprattutto per i primi piatti. Il locale, aveva un nome curioso “Al Cantunzein” (il Cantoncino) perchè si trovava proprio in un angolo di piazza Verdi, in piena zona universitaria. L’autentico scrigno di Venere racchiude all’interno di un quadrato di sfoglia gialla un nido di tagliatelle verdi abbondantemente condite con ragù alla bolognese, panna, tartufo e prosciutto crudo. Il tutto è richiuso a scrigno con un tortellino centrale che sta a richiamare l’ombelico di Venere… non stupitevi di…

  • - Tutte le Ricette,  Dolcetti e Biscotti

    Praline al Cioccolato

    La storia di questi dolcetti risale alla metà degli anni ’70 (non sto parlando delle guerre puniche eh!); ero al primo anno di università, non pensavo neanche lontanamente di “metter su famiglia” e mi dilettavo in cucina solo per divertimento e solo quando ne avevo voglia…le cose poi sarebbero cambiate velocemente, ma questo è un’ altro discorso! Mio nipote Stefano era seduto in terrazza e stava leggendo Topolino, perché allora i bambini non erano ancora sommersi da computer, videogiochi o smartphone, che ora occupano buona parte del loro tempo libero. Tra i giornalini Topolino era un “must” e lo sarebbe rimasto ancora per parecchio tempo, mio nipote aspettava con ansia…

  • - Tutte le Ricette

    Ciambelline al vino

    Nel frigorifero mi era rimasta una fiaschetta di “Vin Cotto“, retaggio dei Mostaccioli che preparo a Natale. Siccome volevo liberarmene per fare spazio, ho pensato di utilizzarlo per preparare delle ciambelline al vino. Sono biscotti semplici, tipici dell’ Italia centrale e del sud, nel Lazio sono chiamati anche ‘nbriachelle, per l’abitudine di mangiarli intingendoli nel vino. Ho fatto queste ciambelline altre volte, usando però nell’impasto un vino rosso corposo, tipo l’Aglianico. Oggi, tanto per cambiare e arricchirle un po’, ho aggiunto delle prugne secche a pezzetti, delle mandorle tritate grossolanamente, un pizzico di cannella e scorza di limone… et voilà, il risultato e stato ottimo! 0

  • - Tutte le Ricette,  Primi Piatti

    Gnudi

    La cucina toscana è schietta, diretta, senza fronzoli, proprio come il carattere delle persone che abitano questa magnifica terra. Gli gnudi sono un esempio di questa semplicità: degli gnocchi di ricotta impastati con spinaci, uova, parmigiano e un po’ di farina… tutto qui! Eppure come tutti i piatti toscani il risultato è eccellente. Il nome, poi, è stringato anche quello: “gnudi”, che sta per nudi, cioè senza la parte esterna che racchiude il ripieno. Anche Artusi ne dà la ricetta nel suo libro, è la numero 98, toglie gli spinaci dall’impasto e li chiama “Ravioli all’uso di Romagna”… anche se dei ravioli, per come li conosciamo oggi, è rimasto solo…

  • - I Grandi della Cucina

    Brillat-Savarin, il primo Gastronomo

    Anni fa credevo che “savarin” fosse il nome di uno stampo che a casa mia serviva per preparare un piatto squisito, a base di riso con polpettine e funghi: il “Savarin di riso“, oppure usato per un dolce: il “Babà Savarin“. Non mi ero mai chiesta da dove provenisse quel nome francese! Poi mi ritrovai … Leggi tutto Brillat-Savarin, il primo gastronomo